22 June, 2017
Puoi utilizzare WP per costruire dei menù

La 21esima edizione di Miss Italia

16 giu, 2016 0

Alice Sabatini, la 76^ Miss Italia in carica, ha ufficialmente aperto le iscrizioni per il concorso regionale. Alla presenza della stampa e dei partner che sostengono il brand Miss Italia, l’esclusivista del concorso in Sardegna Michela Giangrasso ha aperto la 21^ edizione di Miss Italia in Sardegna.

 

Insieme alle ragazze che da anni collaborano alla realizzazione del concorso itinerante, con lo staff e tanti curiosi, nell’accogliente spazio piscine del Thotel di Cagliari, Alice Sabatini ha raccontato la sua esperienza di un anno con piaceri e le responsabilità collegati ad un ruolo così impegnativo.
Alice Sabatini è nata a Orbetello da genitori laziali e cresciuta a Montalto di Castro da sempre, fin da piccola ha desiderato fare la modella, nel tempo dopo diverse passerelle ha avviato anche la carriera sportiva nel basket con il Santa Marinella in serie A2. Alice esordisce come modella professionista ad Altaroma Altamoda nel gennaio 2015 con l’agenzia romana Glamour Model Management di Mario Gori. È diplomata in biotecnologie sanitarie.

Leggi

Rally Italia Sardegna 2016 entra nel vivo

10 giu, 2016 0

“Rally Italia Sardegna 2016 entra nel vivo e l’entusiasmo dei tifosi è alle stelle. Dopo lo straordinario bagno di folla di mercoledì, in occasione della serata inaugurale della tappa italiana del World Rally Championship, ieri il grande circo automobilistico si è spostato a Ittiri per la prova super speciale d’apertura. Anche nella capitale del Coros, storica regione del Nord Sardegna, lo spettacolo è assicurato. All’Ittiri Arena lo show sarà dentro e fuori dal circuito. Mentre i pretendenti al titolo iridato si sfideranno sul tracciato da due chilometri in una crono ad alto tasso di spettacolarità, tra dossi e guardi artificiali, l’Arena allestita per l’occasione ospiterà una grande area espositiva, dedicata all’eccellenza del “made in Sardegna”.

Proprio come a “Casa Sardegna”, la straordinaria vetrina per l’enogastronomia, l’artigianato e il folclore isolani, ospitata nella suggestiva area del Forte della Maddalena, ormai recuperata all’incuria e al degrado per essere trasformata in un vero e proprio gioiello al centro di Alghero, tra il porto, la piazza civica e il lungomare. A “Casa Sardegna” lo spettacolo è previsto anche per stasera alle 19 con il jazz dei Beat Experiment. Alle 20 nella Cosmosfera all’interno del “villaggio vip” il Consorzio di tutela del Vermentino di Gallura offrirà ai propri ospiti una selezione di interessanti degustazioni. Il rientro dei piloti è previsto entro le 21. In tempo per il concerto dei Barrio Sud, ai bastioni Magellano, in programma per le 21.30. A chiudere, sempre sul palco dei bastioni Magellano, “Noche latina” con Edgar Latino DJ e la scuola di ballo latino americano.

Oggi le auto si daranno battaglia tra Ardara, Ozieri Tula, Castelsardo, Tergu e Osilo. Prima di tornare nel grande paddock di Alghero, transiteranno a Sassari, in piazza d’Italia, per l’ennesimo abbraccio con i supporter di una edizione di Rally Italia Sardegna in cui l’entusiasmo del pubblico la sta facendo da padrone. Il ritorno ad Alghero dei piloti del Rally storico è previsto per le 18, mentre i concorrenti del Wrc 2016 rientreranno tra le 18 e le 21. Da quel momento in poi, come ogni giorno, gli appassionati potranno ammirare le auto delle più prestigiose case automobilistiche in gara. Intanto dalle 19 a “Casa Sardegna” ci sarà un momento dedicato in particolare alle tradizioni di Usini, con il gruppo Folk San Giorgio e il maestro Giuseppe Cadeddu. Alle 21.30 l’arte di strada incontra il rally con i giochi di fuoco e led di Gionata Loi, ai bastioni Magellano. Ma il clou della giornata è senz’altro rappresentato dalla chiusura con dj Ringo, uno dei pezzi da novanta della radiofonia italiana, sul palco dei bastioni Magellano dalle 22.15 sino a notte fonda.”

Leggi

Concorso Cavalcata: a Serrenti il Pane di Sardegna 2016

23 mag, 2016 0

I nomi dei vincitori del concorso Pani di Sardegna alla Cavalcata sarda 2016, riservato ai pani da mensa presentati dai gruppi aderenti alla manifestazione.

“Il Comune del Medio Campidano conquista il primo e il terzo posto rispettivamente con il civraxiu e il coccoi, oltre al premio speciale Acqua San Martino riservato alle eccellenze enogastronomiche sarde.
Il vincitore di Pani di Sardegna alla Cavalcata Sarda 2016 è il civraxiu del Gruppo folk Santa Vitalia di Serrenti prodotto dal laboratorio di Massimiliano Siddi. Il prestigioso riconoscimento è stato consegnato domenica sul palco di Piazza d’Italia dal sindaco di Sassari, Nicola Sanna durante la serata musicale presentata da Giuliano Marongiu.
Al fianco del primo cittadino, di fronte a un pubblico numeroso proveniente da tutta l’isola c’erano
Raffaella Sau, assessora alla Cultura a Palazzo Ducale, Sonia Martinelli, responsabile organizzativa di Pani di Sardegna, Tommaso Sussarello, presidente della commissione tecnica e i rappresentanti dei gruppi vincitori. Al primo classificato è andato anche il Premio speciale Acqua San Martino, una preziosa ceramica del maestro Elio Pulli consegnata dal patron Gianni Simula.
Secondo classificato è il gruppo folk Su Furione di Nule, con il carasau di Salvatoricca Farre. Ma Serrenti conquista anche il terzo gradino del podio con il coccoi, ex equo con il carasadu dell’associazione Oleri di Ovodda e il civraxiu dell’associazione Biddobrana di Villaurbana.
Per la valutazione della giuria è stata determinante l’analisi sensoriale e organolettica dei campioni pervenuti nei giorni scorsi in Promocamera, la verifica della cottura nel forno a legna e una ottimale lievitazione naturale con pasta madre. Infine l’esposizione nel classico cesto durante la sfilata dei gruppi.
«Con questa manifestazione – ha detto Nicola Sanna – si sta dando un valore ulteriore al concetto di
panificazione, cioè quello del confronto, della ricerca e dell’autenticità. In tutti questi anni ormai è maturata una vera voglia di concorrere per dimostrare che il pane di ogni paese ne rappresenta davvero l’identità».
A seguire la manifestazione con interesse da dietro le quinte c’era anche Slavomir Drozd, assessore all’urbanistica del comune di Bratislava. «Abbiamo già portato alcuni nostri produttori in Slovacchia in occasione della fiera per l’agroalimentare e il turismo – ha spiegato ancora Sanna –. Per il prossimo anno crediamo di dover rafforzare questo legame che si sta consolidando, non solo con uno scambio di visite ma anche con uno scambio commerciale».
La cerimonia di premiazione ha suggellato il successo di un evento che da quattro anni è parte integrante della Cavalcata. Fin da venerdì nel cuore di Sassari sono stati protagonisti i migliori prodotti della tradizione agroalimentare e cerealicola. Piazza Castello è diventata per l’occasione un vero “Villaggio del pane”, con postazioni di preparazione e cottura, laboratori, mostre, stand di produttori e menu a base di pane frattau, supa cadduresa, covatzas con purpuza, carasanzas, panadas, seadas, ricottelle, oltre alla birra artigianale del birrificio Nora di Oliena.
Ben due forni a legna sono stati allestiti dalla Proloco di Olmedo per cucinare il pane a lievitazione naturale, mentre l’impasto veniva lavorato di fronte ai curiosi assiepati intorno alla postazione. Ospite d’onore quest’anno è stata “Villaurbana Città del pane”, che ha dato man forte nelle attività di panificazione.
Grande successo hanno riscontrato inoltre i laboratori, in particolare quelli per i bambini. Berretti da novello panettiere sulla testa, i piccoli si sono cimentati nell’impasto a mano con notevole divertimento, seguiti da esperti e insegnanti. Sempre per i più piccoli è arrivata la merenda con il Pandolce a lievitazione naturale del Forno Savoia di Sassari.
Per gli appassionati di cucina creativa, sabato è stato il momento di LaboCuci Sardegna, laboratorio di cucina proposto dal gruppo di talentuosi chef emergenti formato da Riccardo Porceddu, Pierluigi Fais e Davide Bonu, nato dal gemellaggio con l’omonimo gruppo Giapponese di Niigata. Fino a tarda notte il team Labocuci ha presentato il suo progetto di innovazione proponendo squisite focacce originali ma rigorosamente preparate con materie prime sarde di qualità. Nel corso della manifestazione è stata esposta una selezione di pani artistici caratterizzati dalla straordinaria bellezza delle fogge.”

Leggi

Il tripudio del Barocco napoletano al Palazzo Siotto

13 mag, 2016 0

“Primo appuntamento della neo istituita sezione del Festival Capitali Europee del Barocco nel 2016 dedicata a Napoli.

“Nella vita culturale della Napoli del Settecento la musica occupava una posizione di primo piano ….. Ma è soprattutto nei salotti aristocratici e nelle accademie della città che fiorì, accanto al genere della Cantata, la Musica da camera strumentale. … presso le case dei nobili i Concerti erano spesso aperti al pubblico, l’ingresso era generalmente libero e non di rado venivano serviti caffè, dolciumi, liquori e gelati …” Andrea Buccarella (Direttore AbChordis Ensemble)

L’appuntamento
Sabato 14 Maggio, ore 21.00, Cagliari, Palazzo Siotto (Via dei Genovesi 114)

Capitali Europee del Barocco: Napoli – I Edizione

Concerto di varij istromenti
Musica da camera del Barocco napoletano
Musiche di Alessandro Scarlatti, Nicola Antonio Porpora, Aniello Santangelo, Nicola Fiorenza, Ferdinando Lizio

AbChordis Ensemble
Katia Viel, Lathika Vithanage Violini
Nicola Paoli Violoncello
Giovanni Battista Graziadio Flauto dolce, Fagotto
Andrea Buccarella Clavicembalo e Concertazione”

La Manifestazione gode del Contributo e/o Patrocinio degli Ass.ti allo Spettacolo ed al Turismo della Regione Sarda e del Comune di Cagliari, della Provincia di Cagliari, della Fondazione di Sardegna. Collaborazioni con il Conservatorio “G.P. da Palestrina” e la Biblioteca Universitaria entrambi di Cagliari.

Echi lontani fa parte del REMA (Réseau Européen de Musique Ancienne-European Early Music Network), la rete dei Festivals di Musica Antica; il REMA è supportato dalla Commissione Europea.”

Leggi

Sant’Efisio 2016 – le vostre foto

4 mag, 2016 0

Grazie a Marco Maffei per averci inviato le foto!
Invia anche tu i tuoi scatti a info@illatv.it o su whatsapp al numero +39 3711456017

illatv_buoi_sant_efisio

illatv_sant_efisio_tracca

illatv_sant_efisio

illatv_tracca_sant_efisio

illatv_processione_sant_efisio

Leggi

Sant’Efisio 2016 – le vostre foto

2 mag, 2016 0

Leggi

Oristano: sistema di tassazione comunale per il 2016

28 apr, 2016 0

Via libera dal Consiglio comunale di Oristano al sistema di tassazione comunale per il 2016.

“In Sardegna non ci sono città che hanno livelli di tassazione bassi come i nostri. Un risultato ottenuto senza toccare i servizi” ha detto con soddisfazione il Sindaco Guido Tendas che ha voluto ringraziare l’Assessore ai Tributi Giuseppina Uda per il lavoro svolto e ricordato le statistiche del quotidiano economico Il Sole 24 ore che riconoscono il basso livello di tassazione del Comune di Oristano.

Dopo la presentazione da parte dell’Assessore ai tributi Giuseppina Uda nel corso della precedente seduta, ieri sera l’assemblea ha affrontato la discussione generale e esaminato gli emendamenti e alla fine approvato le modifiche al regolamento della IUC (Imposta unica comunale), il piano economico finanziario con i coefficienti e le tariffe della TARI e le aliquote IMU e TASI per il 2016.

Durante la discussione generale Stefano Mureddu (Insieme) ha evidenziato gli sforzi compiuti per andare incontro alle esigenze dei cittadini attraverso una riduzione della pressione fiscale, ma ha lamentato lo scarso tempo concesso al Consiglio per discutere di un argomento tanto importante. Giuseppe Puddu (UDC) ha focalizzato l’attenzione sul Piano economico finanziario evidenziando come a fronte di un notevole impegno economico il servizio garantito per l’igiene urbana sia inadeguato. Puddu ha messo in risalto alcuni errori materiali contenuti nel documento (riferiti ad esempio ai costi per trattamento e riciclo), lamentato la mancata revisione del canone e annunciato la richiesta di istituzione di una commissione speciale d’indagine sui tanti dubbi legati al Piano finanziario sull’appalto dei rifiuti e della gestione del verde da parte della Oristano servizi. Per Massimiliano Sanna (API/FLI) il tempo concesso ai consiglieri per un esame approfondito di questi argomenti non è stato sufficiente. Sanna ha evidenziato una condizione penalizzante per i proprietari di seconde case e sul fronte del PEF la mancata corrispondenza tra costi e inadeguatezza dei servizi erogati.

- Regolamento IUC
Approvato con 14 voti a favore e 4 contrari.
Le modifiche – aveva spiegato l’Assessore Uda – si rendono necessarie per un adeguamento alla normativa nazionale, semplificandolo e migliorandone i contenuti. Tra le modifiche più importanti quelle riguardanti l’IMU e la TASI per l’abitazione principale proprio conseguentemente alle nuove disposizioni nazionali, con modifiche relative alle agevolazioni previste anche per la TARI, tributo per il quale si disciplinano meglio anche le dilazioni con la rateazione che passa da 8 a 12 mensilità.

- Piano economico-finanziario, coefficienti e tariffe TARI (tributo rifiuti)
Approvato con 14 voti a favore e 4 contrari.
Il Piano, che per il 2016 è pari a 5 milioni 469 mila Euro, distingue tra utenze domestiche e non domestiche, definendo le componenti per la quota fissa e per quella variabile. I costi fissi sono stati quantificati in 3 milioni 906 mila Euro e quelli variabili in 1 milione 562 mila Euro che incidono per le utenze domestiche nella misura del 65% per la parte fissa e del 69% per la parte variabile, mentre per le utenze non domestiche nella misura del 35% per la parte fissa e del 31% la parte variabile. L’Assessore Uda, con soddisfazione, aveva evidenziato la sensibile e progressiva riduzione del tributo sia per le utenze domestiche, sia per quelle non domestiche, anche grazie all’allargamento della base imponibile.

- Aliquote IMU e TASI per l’anno 2016
Approvato con 14 voti a favore, 4 contrari e un astenuto.
Per l’IMU sono confermate le aliquote dell’anno scorso con due sole eccezioni: la prima riguarda gli immobili che vengono concessi in uso gratuito a parenti in linea retta di primo grado, alle condizioni stabilite dalla legge (registrazione del contratto), che godono della riduzione del 50% della base imponibile dell’aliquota assegnata, la seconda interessa le unità abitative concesse in locazione con contratto concordato con una riduzione del 25% dell’aliquota del 4,6 per mille stabilita per il 2015. Per la TASI è stata proposta l’aliquota base dell’1,5 per mille.

Prima dell’approvazione il Consiglio ha esaminato gli emendamenti presentati dai consiglieri. Approvazione per quelli della minoranza sulle agevolazioni con la riduzione del 30% nella parte fissa e variabile per le abitazioni principali dei nuclei familiari con ISEE non superiore ai 10 mila Euro, per nuclei con la presenza di un portatore di handicap e ISEE non superiore a 10 mila Euro. Respinto (14 no e 9 sì) quello sulla riduzione del 25% per soggetti in condizioni di difficoltà economiche e ISEE non superiore ai 10 mila Euro. Approvazione (21 si e 1 no) per gli emendamenti unificati di minoranza e Mureddu, Cocco e Spahiu per la riduzione del 15% della parte variabile della IUC per le utenze che praticano il compostaggio e si dotano di tritarifiuti da lavandino. Approvazione anche per gli emendamenti della minoranza sulle riduzioni, esenzioni e detrazioni della TASI, sulla previsione della disciplina dell’esclusione e delle esenzioni della TARI per i locali destinati al culto, limitatamente alla parte nella quale si svolgono le funzioni religiose, sulla riduzione del 30% nella parte fissa e variabile per le abitazioni principali per i nuclei familiari che adottano un cane dal canile comunale. Respinti o giudicati non accoglibili gli emendamenti della minoranza per l’introduzione di aliquote agevolate IMU (4,6 per mille) e TASI (0,5 per mille) fino alla data di approvazione dei relativi piani di lottizzazione per le aree risultati edificabili col nuovo PUC e classificate C2ru, C2ruf, C2c1.

Leggi

Carbonia, 16-17 aprile Primavera Sulcitana 2016

7 apr, 2016 0

“Procedono, con grande entusiasmo, i preparativi per la seconda edizione della manifestazione “La Primavera Sulcitana” che avrà il suo primo appuntamento a Carbonia sabato 16 e domenica 17 aprile. La Kermesse è organizzata dall’Associazione Primavera Sulcitana con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Carbonia.

La due giorni sarà un susseguirsi di cultura, tradizioni, festa, promozione, divertimento, socializzazione, musica e tanto altro ancora. Il tutto sarà finalizzato a far conoscere le tantissime risorse che la Città e il territorio sono in grado di offrire a cittadini e turisti. La tappa di Carbonia inizierà sabato mattina, quando le vie centrali della Città saranno il palcoscenico per l’esposizione non soltanto dei prodotti agroalimentari e artigianali ma anche delle capacità culinarie, artistiche e culturali della nostra zona.

Piazza Roma sarà la “casa” delle tradizioni sulcitane, con la presenza di gruppi folk dei Comuni del territorio, degli artisti che realizzeranno le rispettive opere in presa diretta, degli artigiani di vari settori tra cui quello gastronomico, che allestiranno laboratori dedicati al pane, alla pasta, ai dolci, ai cestini e a tanto altro ancora. Piazza Roma ospiterà anche diversi appuntamenti dedicati all’archeologia e alla cultura e un’area per i più piccoli.

Via Manno sarà dedicata all’esposizione degli artigiani e degli hobbisti, mentre in via Gramsci si aggiungeranno, ad artigiani e hobbisti, gli espositori del settore agroalimentare e gastronomico, del settore vinicolo, ecc.

Piazza Marmilla, area Anfiteatro, sarà invece un vero e proprio festival del “Food” con 8 portate cucinate a vista. Nell’area food, dove saranno allestiti circa 200 posti a sedere, saranno a disposizione anche punti dedicati alla birra artigianale. Per la domenica sono previsti degli “show cooking” ovvero delle dimostrazioni di cucina dal vivo guidati da diversi chef, tra cui Manuele Fanuntza. L’area sarà allietata da un sottofondo musicale che, intorno alle 21, lascerà lo spazio all’esibizione di due gruppi locali.

Nei due giorni anche i Musei saranno impegnati a far conoscere la nostra Città. Nell’area museale di Villa Sulcis saranno presenti diversi laboratori per bambini, mentre il Museo del Carbone, nella Grande Miniera di Serbariu, permetterà l’ingresso a prezzo ridotto.

Due i momenti principali della Primavera Sulcitana a Carbonia. Sabato 16 aprile alle ore 18.30, i “bambini della Primavera Sulcitana”, in rappresentanza di tutti gli appuntamenti della Kermesse, sfileranno per le vie del centro (via Gramsci, via fosse Ardeatine, via Manno, Anfiteatro Piazza Marmilla), seguiti da tutti i gruppi folk del territorio, vestiti con abiti tradizionali. Saranno coinvolte circa 250 persone. Al loro arrivo saranno accolti, tra gli altri, dal Sindaco di Carbonia Giuseppe Casti. La sfilata è l’inaugurazione ufficiale della manifestazione che coinvolgerà quasi tutti i Comuni del Sulcis.

Domenica 17 aprile alle 19.30 un centinaio circa di ragazzi dell’istituto Beccaria di Carbonia, coordinati dalla compagnia teatrale “La Clessidra” sfileranno per il centro Città: indossando gli indumenti tipici del lavoro minerario, rievocheranno le origini della nostra Città.

Il programma completo della due giorni sarà pubblicato nei prossimi giorni.

“Abbiamo accolto la proposta dell’Associazione la Primavera Sulcitana, che ringraziamo, nell’assoluta convinzione che questo tipo di iniziative siano da valorizzare e sostenere. Si tratta di manifestazioni valide e interessanti che possono concretamente contribuire a incentivare il turismo nella nostra Città. – afferma il Sindaco Giuseppe Casti – L’appuntamento del 16 e 17 aprile, che ben si affianca ai numerosi eventi e rassegne realizzate nei diversi anni, rafforzano l’impegno dell’Amministrazione comunale per la promozione turistica e culturale della nostra Città”.”

Leggi

Costruzioni, il 2016 è l’anno della ripresa?

6 apr, 2016 0

Dall’Ance Sardegna arriva l’VII rapporto sul settore costruzioni. E’ prevista per oggi un conferenza stampa in cui verrà presentato il documento.

“Il 2016 potrebbe rappresentare l’anno della ripresa nel settore delle costruzioni anche in Sardegna: il superamento del patto di stabilità interno e il passaggio al pareggio di bilancio, oltre a liberare i pagamenti pregressi alle imprese, permetterà agli enti locali di rilanciare gli investimenti. I primi effetti del nuovo Piano Casa approvato con legge regionale ad aprile scorso, il credito in edilizia e le opportunità per lo sviluppo dell’isola offerte dai fondi strutturali.

Sono le tematiche contenute nel VIII rapporto Ance sul settore delle costruzioni che sarà presentato a Cagliari nel corso di una conferenza stampa in programma oggi, mercoledì 6 aprile, alle ore 10 nella sede dell’associazione dei costruttori Ance in via Fleming 2A.
Saranno presenti: il presidente regionale, Pierpaolo Tilocca, la vice presidente, Simona Pellegrini, e Flavio Monosilio, responsabile dell’area Affari Economici e del Centro Studi dell’Ance nazionale.

Leggi

Sagra degli Agrumi, boom di presenze per le etnotraccas

4 apr, 2016 0

Presenze oltre le aspettative per Muravera, oltre 40 mila persone hanno scelto il centro del Sarrabus per vivere una splendida giornata primaverile tra i colori delle tradizionali etnotraccas, i profumi degli agrumi e la storia della Sardegna.
Vincitrice della 44° Sagra degli Agrumi, l’etnotraccas di Castiadas, tema rappresentato: la “Lavorazione del Granito. Gli scalpellini di Villasimius”. Un momento di vita passata, originale, che ha catturato la curiosità dei giurati.
Menzione speciale anche per l’Associazione turistica di Escalaplano che ha rappresentato la “Lavorazione dell’olio del Lentischio” e per le donne l’associazione Bidd’e Putzi Giovani che durante la sfilata hanno raccontato, come, attraverso la lavorazione della palma nana, si realizzava un materasso.

Muravera Sagra degli Agrumi

Le Etnotraccas. I visitatori che si sono recati a Muravera il 3 Aprile, hanno potuto ammirare le etnotraccas. Si tratta di rappresentazioni in movimento di momenti di vita vissuta nel passato. Solitamente nelle sfilate in Sardegna sfilano le Traccas, carri addobbati a festa e trainati dai buoi, come in passato, quando non esistevano i mezzi a motore e ci si doveva spostare per raggiungere i paesi in cui si celebrava una festività religiosa. Proprio per celebrare a dovere, i carri venivano arricchiti con i migliori tappeti, copriletti, sa manta boha, e poi si aggiungevano brocche e sciveddasa, dei contenitori in terracotta in cui conservare bevande e cibo.

IMG_2191

La Sagra degli Agrumi di Muravera non è solo l’occasione per mettere in risalto il protagonista, l’agrume, ma vuole essere anche un canale attraverso cui far conoscere la qualità dei prodotti che il Sarrabus offre. Si vuole quindi, esaltare il lavoro degli artigiani, degli agricoltori e di tutta la comunità.

IMG_2176

Oltre duemila le persone dei 52 gruppi folk che hanno raggiunto Muravera da tutta la Sardegna, che hanno animato la via Roma con balli e suoni di launeddas, fisarmoniche e tamburi, fatto brillare i preziosi monili che arricchiscono antichi abiti.
La tre giorni è stata caratterizzata da eventi collaterali: convegni economici, concerti, mostre, sale espositive e dimostrazioni di antichi mestieri artigiani. Gli antichi Pottalis hanno aperto le loro porte, un salto nel tempo di almeno cento anni per i visitatori che hanno potuto conoscere la semplicità della vita quotidiana di un tempo. La Sagra degli Agrumi è andata in onda, in diretta sull’emittente televisiva Sardegna Uno e sulla piattaforma Sky.

IMG_2183

Per arrivare a Muravera sono diverse le strade percorribili: la nuova 125 è certamente più scorrevole, semplice da percorrere. Se però si dovesse imboccare l’Orientale Sarda, affrontare così numerose curve, il viaggio sarà ricordato dal fascino che regalano le montagne.
I boschi vengono interrotti a tratti dalla roccia che si staglia imponente creando un paesaggio raro. Fermarsi ad ammirare l’incantevole scorcio e rendersi conto di essere completamente in mezzo alla natura, lascia un senso di pace.

IMG_2171

Leggi