22 June, 2017
Puoi utilizzare WP per costruire dei menù

E’ giunta in Sardegna la delegazione dell’Ufficio Alimentare e Veterinario della Commissione Europea: un lavoro che impegnerà gli esperti per una settimana su tutto il territorio regionale per valutare gli effetti del Piano di eradicazione della peste suina africana.

Rimarranno in Sardegna fino a martedì 18 ottobre gli ispettori dell’Ufficio Alimentare e Veterinario della Commissione Europea.
Il loro lavoro in terra sarda ha l’obiettivo di valutare lo stato di applicazione delle nuove norme volte a contrastare la Peste Suina Africana e i risultati finora raggiunti.
Il gruppo di lavoro comprende anche i delegati del ministesro della Salute, quelli del Centro di Referenza nazionale Pesti suine e i rappresentanti dell’Unità di Progetto per l’eradicazione della peste suina.
Le ispezioni toccheranno diversi territori: il team di esperti visiterà allevamenti, macelli, imprese di trasformazione. Previsti anche incontri con le rappresentanze delle organizzazioni di categoria del mondo dell’agricoltura.
L’ultima visita degli ispettori in Sardegna risale al 2013. Il Piano di eradicazione della Peste suina africana che viene posto sotto controllo durante questa settimana, si basa su tre pilastri:
La riorganizzazione della catena di comando, che ha visto nella nascita dell’Unità di Progetto il centro decisionale in cui sono rappresentate le istituzioni coinvolte.
Un secondo punto riguarda l’utilizzo delle risorse finanziarie che serviranno per debellare la piaga, per favorire l’emersione degli allevamenti irregolari e sostenere le imprese che operano nella legalità.
Il terzo ed ultimo pilastro riguarda in vece la repressione del sommerso. Fino ad oggi sono stati 500 i capi illegali abbattuti.

Nessun commento